Crea sito

Corriere Romagna
giovedì 8 giugno 2006 Edizione di: RAVENNA

Valorizzare il naturismo si può

ravenna - Una legge per valorizzare la pratica del naturismo. Se ne è parlato ieri in Regione nel corso della commissione turismo. La relatrice del progetto di legge Daniela Guerra dei Verdi con alcuni rappresentanti del mondo naturista ha risposto ai quesiti della commissione sul testo che dovrà essere discusso in quella sede per poter essere presentato e votato dall’assemblea regionale.A parte alcune aree collinari nel bolognese, l’unica zona costiera della regione dedicata e una delle poche in Italia è una porzione di spiaggia di Lido di Dante. In mancanza di una normativa specifica, la pratica del naturismo viene regolata ogni anno da un’ordinanza comunale che individua un tratto di 500 metri a sud di Lido di Dante, debitamente segnalato e protetto da vigilanza privata all’interno della quale è possibile praticare naturismo. Questo non ha impedito però negli anni seri problemi di ordine pubblico, con la sgradita presenza di esibizionisti, rei di comportamenti oltraggiosi e lesivi per le persone e per la tenuta del sistema dunoso. La convivenza fra naturisti e turisti in costume viene complicata da sgradevoli presenze, che minano il relax delle famiglie.“Per quanto riguarda la legge siamo nella fase istruttoria - chiarisce l’assessore regionale al turismo Guido Pasi - in seguito se verrà approvato l’articolato di legge, potrebbe approdare in assemblea nel mese di novembre. Certo sarebbe necessaria una normativa nazionale a riguardo per sventare la possibilità di avvicinare il naturismo ad atti contrari alla pubblica decenza. In Francia sono 150 i luoghi individuati, e in Europa i praticanti sono 20 milioni. Certo finché la normativa non sarà chiara nessun imprenditore investirà mai in servizi turistici dedicati a questo tipo di vacanza. Una volta tanto vorremmo essere battuti sul tempo dal Parlamento”.Sul fronte locale è Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna a ricordare alcuni problemi legati a Lido di Dante. “Non siamo contrari al naturismo. Chiediamo però che l’area dedicata sia spostata più a sud, debitamente separata e segnalata e soprattutto dotata di servizi igienici. Oltre a un posto di polizia occorrono maggiori controlli e servizi di videosorveglianza”.Il testo di legge quindi si propone di promuovere la cultura naturista al di là della semplice pratica del nudismo. Nell’articolo 1 viene definita come: “l’insieme delle pratiche di vita sana e prevalentemente all’aria aperta che utilizzano anche il nudismo come forma di sviluppo della salute attraverso il contatto diretto con la natura”. Ma la legge non dimentica il valore economico del fenomeno. Gli arrivi di villeggianti stranieri potrebbero ulteriormente aumentare con la creazione di servizi turistici, come campeggi, terme, alberghi non impattanti, fatte salve le indicazioni del piano regolatore.



Copyright © Coop. Editoriale Giornali Associati
http://www.corriereromagna.it